Reattori di hydrocracking per Dangote

ATB Riva Calzoni ha fabbricato su richiesta di Dangote ltd due mild hydrocracking processors.

Progetto: Progetto Dangote
Azienda sviluppatrice: ATB Riva Calzoni
Luogo: Lekki Free Trade Zone - Lagos (Nigeria)
Categoria: Progetto Oil and Gas
Cliente: Dangote Ltd
Utente finale: Dangote Ltd
Anno: 2017-2018
Stato:

Dangote è il progetto per la realizzazione di una nuova raffineria nella Free Trade Zone di Lekki, in Nigeria, nello stato di Lagos. Per questo impianto petrolchimico, la cui costruzione è cominciata nel settembre del 2016, ATB Riva Calzoni ha fabbricato, su richiesta di Dangote Ltd - la parte ingegneristica è stata curata da Engineers India Ltd -, due reattori mild hydro cracking di processo UOP, da 1.400 tonnellate l’uno, in acciaio basso legato con l’aggiunta di vanadio.

Le apparecchiature per il settore petrolchimico saranno parte della raffineria africana affacciata sull’Oceano Atlantico, che includerà unità di distillazione del crude pesanti, di “fluid catalytic cracking”, “diesel hydrotreating”, di rigenerazione catalitica, un’altra per la produzione di polypropylene e poi utilities e off sites, oltre che un impianto per la produzione di energia necessaria al funzionamento delle infrastrutture. I due reattori sono tra i più grandi recipienti in pressione di questo tipo mai prodotti dall’azienda, sia per peso sia per dimensioni.

Sulla tecnologia hydro cracking ATB Riva Calzoni ha maturato negli anni un bagaglio di esperienza di progettazione e lavorazione. In aggiunta, relativamente alla tipologia di materiale costitutivo dei reattori, da quanto l’azienda ha iniziato a utilizzare l’acciaio al vanadio ne sono stati prodotti 118. Il primo nel 1997.

La commessa per il settore di petrolio e gas è importante anche dal punto di vista economico. Dangote, gruppo che fa capo all’imprenditore nigeriano Aliko Dangote, ha fissato la scadenza di fine lavori entro maggio 2018. I corpi in pressione, che entreranno a far parte dell’impianto petrolchimico di lavorazione del greggio, sono stati fabbricati in Italia, tra l’officina di Roncadelle, in provincia di Brescia, e quella di Porto Marghera, Venezia, workshop nel quale le apparecchiature di processo vengono completate e imbarcate per essere spedite via mare.